Ca’ dell’Agata

Con la crisi economica la terra ha ricominciato ad avere un valore. Ma che la terra abbia un valore, e grande, Mariella e Gianni lo credono sin dal 1985, quando diedero vita al loro progetto agricolo. Contrari all’utilizzo di diserbanti e sensibili ai temi dell’inquinamento del suolo, assieme ad un gruppo di giovani coppie, elaborarono un’iniziativa agricola per coltivare la terra in modo naturale. Tuttavia il progetto non andò in porto e delle quattro coppie a portare avanti l’idea rimasero solo loro due. Gianni si licenziò dalla fabbrica e prese in gestione l’azienda del padre, che aveva un allevamento di mucche, appena sufficienti per gli scopi di sussistenza. La conversione al biologico fu immediata e i due ettari di terra vennero destinati a orto e frutteto. Il gruppo di giovani di cui facevano parte sostenne e finanziò il progetto acquistando la verdura che veniva prodotta. E così la giovane coppia riuscì a far partire la propria fattoria.

 

Nel 1987 Mariella si licenziò dal suo impiego di assistente sociale e aprì nell’azienda il primo agriturismo vegetariano della provincia. Accanto alla ristorazione si aggiunse anche la trasformazione in composte, fermentati e salse delle verdure e della frutta coltivate .

Oggi l’azienda dispone di uno spaccio aziendale, dove clienti fedelissimi accorrono per acquistare i prodotti della fattoria. Anche l’attività didattica è un tassello importante: vengono organizzati corsi destinati agli adulti, volti a comunicare la sensibilità ambientale del loro progetto.

Inoltre l’azienda è inserita nella rete WWOOF e ospita volontari che, in cambio di vitto e alloggio, partecipano al lavoro nei campi.

Ca’ dell’Agata è anche un posto dove “star bene”: è stato realizzato un percorso per comprendere la sostenibilità dell’azienda e la sua filosofia. Il percorso include anche il “Cerchio della Riconciliazione”, una radura tra gli alberi creata al fine di meditare o stare in compagnia. Nel breve cammino si incontra anche un frutteto, dove vengono raccolte più di 90 varietà di alberi da frutto, di cui alcune antiche o dimenticate. All’interno dell’agriturismo, per di più, c’è una piccola mostra di meravigliose agate, le pietre raccolte nel podere che danno il nome all’azienda.

L’iniziativa più recente di Gianni e Mariella è quella del mercato contadino, “I Custodi della Terra“, che viene ospitato ogni primo e terzo sabato del mese. È un modo per i contadini dediti all’agricoltura naturale di far rete, di conoscersi e di farsi conoscere. Il mercato, poi, punta a essere in sé un organismo sostenibile, cercando di ridurre al minimo l’utilizzo di plastica. È infine una via per rimarcare una delle convinzioni di Mariella, ossia che la gente venga in campagna a conoscerla e a viverla, e non che sia sempre la campagna ad andare dalla gente in città. È dal 1985 che provano a cambiare questa mentalità e piano piano ci stanno riuscendo.


I prodotti: Ortaggi, salse, fermentati, composte
Certificazione biologica: No (Autocertificazione biologica)
Punto vendita: Sì
Ristorazione: Sì
Ospitalità: No
Sito webwww.cadellagata.it
Email: cadellagata@gmail.com
Fb: Ca’ Dell’Agata
Contatti: 0445 370349 – 333 6737778


bandiera inglese Ca’ dell’Agata is one of the first organic farms in Vicenza province. Gianni and Mariella founded it in 1985. They produces vegetables, marmalades and sauces. Ca’ dell’Agata is also a vegetarian restaurant. Twice a month, on Saturday, they host a farmers’ market. Inside the farm there is a itinerary to walk by in order to realise the great amount of biodiversity we have in our land.


TORNA AI PRODUTTORI